fbpx
La Corsa e il Freddo

L’allenamento a bassa temperatura.

Carissime e carissimi Web Runners!

Come procedono i vostri allenamenti invernali?!

Noi vi immaginiamo come impavidi guerrieri che combattono eroicamente contro l’indolenza, contro il potere magnetico del divano e delle pantofole, evitando i terribili attacchi di un mostro sovraumano chiamato “sedentarietà”.

Immaginiamo bene??! Forse non vogliamo saperlo, lasciateci con i nostri sogni di gloria…

Nell’articolo di oggi parliamo del freddo, ovvero l’alleato più fedele del nostro nemico invernale numero 1, la pigrizia.

Se durante i mesi primaverili ed estivi correre ed in genere stare all’aria aperta sono quasi un’esigenza, nel periodo più rigido dell’anno uscire ad allenarsi non è esattamente una passeggiata.

Però… c’è un però! Le basse temperature riservano delle sorprese decisamente positive per noi runners.

Correre al freddo richiede uno sforzo superiore al nostro corpo, che deve bruciare molte più calorie per mantenere la giusta temperatura.

La circolazione è più difficile e il cuore fa più fatica a spingere il sangue fino alle estremità.

Risultato? Migliorano resistenza cardiaca e vascolarizzazione, a beneficio della salute e delle performance sportive.

Il motto quindi è: correte molto d’inverno e in primavera sfreccerete come missili! …o giù di lì.

Per non parlare di chi corre per smaltire qualche kilo di troppo: correre d’inverno fa consumare circa il 95% in più delle calorie rispetto all’estate, quindi combattere la pigrizia in questo caso vale doppio!

Certo, è importante essere ben organizzati con l’abbigliamento, magari seguendo la regola dei 3 strati:

  1. idratazione: scegliete un abbigliamento intimo di tessuto naturale e traspirante
  2. isolamento termico: proteggetevi dal freddo con una maglia termica aderente
  3. protezione da vento e pioggia: giacca impermeabile per difendervi dall’aria fredda e dall’umidità

Lo studio di un’importante equipe di ricerca americana ha evidenziato una correlazione diretta tra l’allenamento aerobico (specie in condizioni di basse temperature) e l’aumento dei livelli di Vitamina D nel sangue, con benefici documentati sia per l’apparato cardiorespiratorio che per la salute delle ossa.

La vitamina D è prodotta per il 50-90% dalla pelle, grazie all’esposizione solare. D’estate è chiaramente più facile, ma d’inverno dobbiamo sfruttare le poche ore di luce per rimanere all’aperto e dare modo al nostro corpo di creare questo vero e proprio nettare del benessere.

E quale modo migliore di stare all’aperto, se non correre??!

Tra l’altro, se vi fosse sfuggito, manca meno di un mese alla Maratonina della Vittoria, quindi forza con gli allenamenti!

Il 15 Marzo correremo anche la Vittorio City Run, con i due percorsi Family Run e Urban Trail, ci sarà davvero da divertirsi e sarà un’occasione per contribuire insieme alla lotta contro la violenza sulle donne e sui minori, vi aspettiamo numerosi!

Non ci resta che congedarci con un caloroso abbraccio e… buona corsa a tutti Web Runners!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato o reso visibile. I campi obbligatori sono contrassegnati con *.

facebook
instagram